8HOME

 

 

 

 

 

STORIA E VICENDE DI UN PAESE IRPINO

 

03-07-20

 

 

 

Il castello di Morra De Sanctis  (cliccare su foto per ascoltare l'Inno Italiano)

Il castello di Binningen (cliccare su foto per ascoltare l'Inno svizzero)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geschichte, Film, Schloss von Binningen, Dorfmuseum hier klicken

     

 Queste pagine web si arricchiscono progressivamente di vari volumi e quindi di molte cognizioni letterarie. Tutti possono accedervi.

Si richiede solo a chi usa documenti o concetti tratti da queste pagine, l'onestà intellettuale di citarne la fonte da cui sono state prese.

Con molto dispiacere ho appreso ieri dalla nostra gentile presidente Rosa Gerarda Capozza, la morte dell'ultranovantenne Signora Grazia Capozza.

Grazia, a Morra era chiamata Juccia e da diversi anni era sempre attiva nella sezione AME di Basilea, Il figlio Tonio fa parte del Comitato AME di Basilea. IO conosco naturalmente bene Grazia Capozza, anche perché a Morra era mia vicina di casa quando io ero ancora giovane.

Abituata già da piccola al lavoro, come tante giovani ragazze di quei tempi, venuta in Svizzera aiutava sempre nelle nostre feste dell'Associazione, un buon esempio per i giovani. Le mie doverose condoglianze vanno ai figli e a tutti i congiunti, con il mio "grazie Gazia, per quello che hai fatto per l'Associazione del tuo paese d'origine, che ti ha permesso di vivere con tanti morresi pur essendo qui in Svizzera. Per lei una preghiera in questo periodo sfortunato, durante il quale non si può onorare degnamente neanche i morti a causa del il virus che limita gli assembramenti delle persone.

Gerardo e Rosa Di Pietro e famiglia.

Giovedì 18 giugno 2020 è stato pubblicato l’ultimo numero della rivista ”I quaderni di Vicatim. Archeologia, costume, letteratura, storia, tradizioni” (che sostituisce la scomparsa “Vicum”), curata dal prof. S. Salvatore, al cui interno è contenuta la prima parte degli atti dell’Incontro di Studio che si tennero il 1° novembre del 2014, incentrato soprattutto sulla scoperta della tomba medievale a Serro Torone – San Vitale.

La pubblicazione si apre con un passo di discorso di Francesco De Sanctis, dal titolo: “Brevi osservazioni sull’archeologia”, tenuto nel 1845 a Napoli in occasione del V Congresso degli Scienziati, in: “Brevi osservazioni sull’archeologia considerate rispetto alle scuole. Purismo Illuminismo e Storicismo” (Opere di F. De Sanctis, II), a cura di A. Marinari, Torino 1975, pp. 68-71.

Il testo è il seguente:

 

[...] «ivi [nelle scuole] dura l’opinione che l’Archeologia sia studio arido ed infecondo; che costi moltissima fatica, e frutti pochissima gloria; che sia studio di cose passate senza collegamento col tempo presente.

Di che nasce che pochi siano i cultori di questa disciplina, e che questo studio separato dalla società si consideri come alcun che di misterioso e peregrino.

[...] Ora io sono persuaso che se la gioventù s’innamora degli studi archeologici, e se ad essi dà uno scopo utile e presente, noi vedremo scomparire a poco a poco dalle scuole questi difetti, e l’Archeologia sarà tenuta da’ giovani in quel conto che si conviene».

 

Da queste parole, scritte dal nostro cittadino più celebre, hanno mosso lo spirito di alcuni studiosi locali che hanno portato a termine una pubblicazione, il cui percorso non è stato privo di imprevisti e delusioni ma la tenacia e l’ostinazione hanno avuto la meglio.

Essendo una corposa edizione si è ritenuto opportuno divederla in quattro sezioni per argomenti simili, in modo tale, da creare sezioni di studio uniformi e come tali verranno edite dalla rivista succitata.

La prima concerne: la “Prefazione” di Pietro Mariani (allora Sindaco), l’”Introduzione” di Giuseppe Marra, l’intervento di Celestino Grassi, dal titolo: “Fonti per la ricerca di Morra”, e infine, il testo di Enrico Indelli denominato: “Ricerca archeologica e territorio a Morra (30 anni dopo). Memorie e testimonianze di una esperienza”.

La seconda riguarda il ritrovamento della tomba di Serro Torone - S. Vitale, con l’articolo di Jonatas Di Sabato, “Osservazioni preliminari e studio archeoantropologico della tomba di Serro Torone-San Vitale in Morra de Sanctis”, con il contributo di Heikki Solin e Paola Caruso sul “L’epigrafe di san Vitale”.

La terza sussiste nel lavoro di Archidio Mariani: “Testimonianze di rinvenimenti archeologici a Morra De Sanctis”.

Infine, la quarta e ultima, nell’elaborazione di Antonio Pugliese: “Survey archeologici a Morra de Sanctis: alcuni casi studio”.

 

L’intera pubblicazione è dedicata all’Ing. Celestino Grassi i cui studi sono stati essenziali per riscoprire la Storia di Morra.

Giovedì 18 giugno 2020 è stato pubblicato l’ultimo numero della rivista ”I quaderni di Vicatim. Archeologia, costume, letteratura, storia, tradizioni” (che sostituisce la scomparsa “Vicum”), curata dal prof. S. Salvatore, al cui interno è contenuta la prima parte degli atti dell’Incontro di Studio che si tennero il 1° novembre del 2014, incentrato soprattutto sulla scoperta della tomba medievale a Serro Torone – San Vitale.

La pubblicazione si apre con un passo di discorso di Francesco De Sanctis, dal titolo: “Brevi osservazioni sull’archeologia”, tenuto nel 1845 a Napoli in occasione del V Congresso degli Scienziati, in: “Brevi osservazioni sull’archeologia considerate rispetto alle scuole. Purismo Illuminismo e Storicismo” (Opere di F. De Sanctis, II), a cura di A. Marinari, Torino 1975, pp. 68-71.

Il testo è il seguente:

 

Alla memoria

dell'Ing. Celestino Grassi

 

 

[...] «ivi [nelle scuole] dura l’opinione che l’Archeologia sia studio arido ed infecondo; che costi moltissima fatica, e frutti pochissima gloria; che sia studio di cose passate senza collegamento col tempo presente.

Di che nasce che pochi siano i cultori di questa disciplina, e che questo studio separato dalla società si consideri come alcun che di misterioso e peregrino.

[...] Ora io sono persuaso che se la gioventù s’innamora degli studi archeologici, e se ad essi dà uno scopo utile e presente, noi vedremo scomparire a poco a poco dalle scuole questi difetti, e l’Archeologia sarà tenuta da’ giovani in quel conto che si conviene».

 

Da queste parole, scritte dal nostro cittadino più celebre, hanno mosso lo spirito di alcuni studiosi locali che hanno portato a termine una pubblicazione, il cui percorso non è stato privo di imprevisti e delusioni ma la tenacia e l’ostinazione hanno avuto la meglio.

Essendo una corposa edizione si è ritenuto opportuno divederla in quattro sezioni per argomenti simili, in modo tale, da creare sezioni di studio uniformi e come tali verranno edite dalla rivista succitata.

La prima concerne: la “Prefazione” di Pietro Mariani (allora Sindaco), l’”Introduzione” di Giuseppe Marra, l’intervento di Celestino Grassi, dal titolo: “Fonti per la ricerca di Morra”, e infine, il testo di Enrico Indelli denominato: “Ricerca archeologica e territorio a Morra (30 anni dopo). Memorie e testimonianze di una esperienza”.

La seconda riguarda il ritrovamento della tomba di Serro Torone - S. Vitale, con l’articolo di Jonatas Di Sabato, “Osservazioni preliminari e studio archeoantropologico della tomba di Serro Torone-San Vitale in Morra de Sanctis”, con il contributo di Heikki Solin e Paola Caruso sul “L’epigrafe di san Vitale”.

La terza sussiste nel lavoro di Archidio Mariani: “Testimonianze di rinvenimenti archeologici a Morra De Sanctis”.

Infine, la quarta e ultima, nell’elaborazione di Antonio Pugliese: “Survey archeologici a Morra de Sanctis: alcuni casi studio”.

 

L’intera pubblicazione è dedicata all’Ing. Celestino Grassi i cui studi sono stati essenziali per riscoprire la Storia di Morra.

 

 

 

Gerardo Di Pietro Paesaggio in Grindelwald (olio su compensato) 16/06/2020

Gerardo Di Pietro Giovane donna Olio su tela A3 25/6/2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gerardo Di Pietro Strada campestre in autunno

(olio su carta speciale) 26/6/2020

Arlecchino in Basilea  "pennarello"

Gerardo Di Pietro, Basilea, il Reno a Wettsteinbruck (Acquarello e acril) 5/2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gerardo Di Pietro 4 gatti spagnoli "olio su carta speciale". 5/2020

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gerardo Di Pietro "Solo e sotto controllo olio su cartone"(anno  1955)

Gerardo Di Pietro "Ghiacciaio" (olio su compensato)

 Gerardo Di Pietro *l'attesa" olio su tela" ( anno 2020)

 

Gerardo Di Pietro Madre e figlia olio su tela

 

 

Gerardo Di Pietro Lazzaro nella tomba

 (olio su compensato)

 

 

Gerardo Di Pietro Garofani in un vaso (acquerello)

   

cliccare sul Gazzettino per vedere se ci sono nuove notizie)

 

 IL GAZZETTINO

 

     
 

 

Nell'atrio del Comune di Morra è stata esposta la genealogia della famiglia De Sanctis curata dal Prof. Francesco Grippo. (cliccate qui per vederla)

Ogni anno le comunità cinesi in Svizzera festeggiano il "Mond Fest" (festa delle Luna). Per l'occasione nella piazza della Cattedrale diverse formazioni cinesi di ballo si esibiscono con le danze. Tra le ragazze cinesi c'è anche una morrese, che ha un'amica cinese e balla con loro. Credo che la conoscete perché l'ho dipinta qualche volta e ho messo il quadro su questo sito Web. Cliccare qui per il download

Articolo del Dott.  Jonatas Di Sabato pubblicato da CRONACHE GOLETANE

 

Come già scrissi, ho messo in rete il mio nuovo libro, che è l'Appendice al vocabolario del dialetto morrese. Al contrario di quella già inserita sul Vocabolario stampato dal comune di Morra alcuni anni fa, questa nuova Appendice, essendo pubblicata in internet, mi ha permesso non solo di mettere in breve le date degli avvenimenti, ma di inserirvi dei Link che aprono delle pagine che illustrano l'argomento accennato, oppure mostrano le tabelle. Tutte queste informazioni le ho prese dai trenta anni di Gazzette dei Morresi Emigrati. Ora questa appendice è diventata quasi un'enciclopedia morrese. Io spero che possiate considerarla in questo modo e ad inviarmi notizie che io poi ogni tanto inserirò nell'Appendice. Per consultarla dove entrare nella Biblioteca digitale su questo sito. Per il momento cliccate su questo Link

 

Antonio Maraia e anche Archidio Mariani mi hanno inviato questo interessante Link:

"Comunque volevo darti una notizia molto interessante, che per Morra è ancora più straordinaria avendo perduto i registri civili del comune nella sommossa del ’43 e che tu hai ben raccontato nel tuo libro. Tempo fa il Ministero dei Beni Culturali ha dato inizio ad un progetto di digitalizzazione degli Archivi di Stato delle province italiane e di messa a disposizione online sul sito http://www.antenati.san.beniculturali.it/

Io avevo visitato il sito ma purtroppo non c’era l’Archivio di Stato di Avellino, che invece ho scoperto essere stato aggiunto recentemente, e per il comune di Morra ho trovato scansionati e digitalizzati in alta risoluzione gran parte dei registri di stato civile con atti di matrimonio, pubblicazioni di matrimonio, atti di nascita e di morte a partire dal 1805 fino agli anni ’40 del ‘900. La presenza di questi registri probabilmente si spiega con il fatto che per ogni atto venivano compilati due o più registri, di cui uno restava al comune e gli altri venivano inviati alla prefettura o al tribunale. Questo è il link per l’archivio della provincia di Avellino: http://dl.antenati.san.beniculturali.it/v/Archivio+di+Stato+di+Avellino/ Per accedere ai registri di Morra basta scegliere uno dei tre periodi (Stato civile napoleonico, Stato civile della restaurazione o Stato civile italiano) e poi successivamente cliccare sul paese di interesse Morra, quindi selezionare il registro e poi l’anno che si vuole sfogliare.

Purtroppo non ci sono tutti i registri per tutti gli anni, ad esempio i registri di nascita non ci sono (o non sono stati ancora digitalizzati) dal 1866 in poi. Però secondo me si possono comunque ricostruire gli alberi genealogici per varie generazioni, con date e nomi, di gran parte della popolazione del paese o emigrata."

 

Diversi link di film  Diversi link 

Nella pagina dedicata al terremoto ho aggiunto link di foto e diverse mie poesie ispirate al tragico evento.

 

 

 

NON SO SE CI AVETE MAI PENSATO: IL PRIMO EMIGRATO MORRESE IN SVIZZERA FU PROPRIO LUI NEL LONTANO 1856: "FRANCESCO DE SANCTIS", DOVREBBE ESSERE RICORDATO SUL MONUMENTO AGLI EMIGRATI A MORRA

SE CLICCATE SULLA TESTA DI QUESTO UCCELLINO TROVERETE OGNI SETTIMANA DEI BRANI SCELTI TRATTI DAI LIBRI DI DIVERSI AUTORI

 Questa settimana: Un brano del diario di Leone Tolstoi (lo scrittore russo Leone Tolstoi è quello che scrisse "GUERRA E PACE" che forse avete visto anche in un film

TUTTO QUELLO CHE ERA SCRITTO NEL GAZZETTINO SULLA BEATA MARIA GARGANI L'HO MESSO IN UNA PAGINA SPECIALE, CLICCARE SULLA SUA EFFIGIE

 

 

 

Comune di Morra De Sanctis Consolato in Basilea Consolato Zurigo Consolato Lugano Pro Loco Morra Sezione AME Zurigo

 Link Film Morra Pagina Link Notizie Biblioteca elettronica  Dialetto morrese  Monumenta Germanica Historica Manoscritto Divina Commedia Cartoline di Morra

Per cercare il manoscritto della Divina Commedia. cliccate sul tasto Manoscritto Divina Commedia. Quando si apre il sito della biblioteca, accanto dove è scritto "Buscar" nel piccolo spazio cliccate sulla piccola freccia blu e poi su Autore, nella spazio accanto scrivete Dante Alighieri, dopo cliccate su "BUSCAR"cliccate sul primo libro di colore bordó che appare .

Libri nelle biblioteca del Palazzo Grassi di Morra De Sanctis

LINK DI LIBRI E GIORNALI

Dizionari

Dizionario illustrato dei simboli

Elenchi telefonici

I Promessi Sposi parlato

Libri parlati, video, musica

Tutti i giornali

La Bibbia parlata

Isabella Morra Rime

La Divina Commedia parlata

Giacomino Pugliese Giacomo de Morra

Lapidi ricordo di F. De Sanctis

 

 

 

   

LINK DI AVVENIMENTI E CERIMONIE IN U.S.A

Foto Greenwich

Processione di S. Rocco in Greenwich

Dinner gemellaggio Morra-Greenwich

Immagini di Morra

DIVERSI LINK DI FILM

Film Maria Gargani in castello Morra

Cerimonia Maria Gargani Morra

Posa travi Piscina Morra

Diversi Film

Film documentario su Morra

conc. al cast. i favolosi anni 60 e 70

Un Viaggio Elettorale De Sanctis, promo 2

 

 

 

   

FOTO

fotocopie fonto antiche

Foto antiche

Morra fotografato col teleobiettivo

Jolanda Di Pietro impres. di Morra

Foto Morra di A. Pelosi

Foto S. Lucia

Altre foto S. Lucia

Foto Festa Ass. Camp.De  Sanc. Zurigo

Foto autunno a Morra

FOTO RIAPERTURA DELLA FERROVIA AVELLINO-ROCCHETTA S.ANTONIO

 

LINK DI ASSOCIAZIONI E ISTITUZIONI VARIE

 

Archemail.it

Archeoclub "Alta Irpinia"

 

 

 

LE CARTOLINE QUI SOTTO L'HA FATTE STAMPARE IL PROF. FRANCESCO GRIPPO CHE HA IL COPYRIGHT

 

                                                                                                     

Bellissima foto si Jolanda Di Pietro-Löhr del Reno con il ponte Wettstein,  la cattedrale e un ampio panorama della Piccola Basilea con il grattacielo della ditta chimica "La Roche"

Schöne Foto von Jolanda Di Pietro- Löhr des Rhein und Klein Basel

 

       
       
 
       
   

         

 
     

Ultimo aggiornamento:  03-07-20

 Counter

web stats

doucment.write("");